EMISSIONI IN ATMOSFERA La Linea Guida di Regione Lombardia per gli adempimenti richiesti dall’art. 271 comma 7 bis del Testo Unico Ambientale (D.Lgs. 152/2006)

LIMITAZIONE DI SOSTANZE PERICOLOSE

Il Decreto legislativo n. 102/2020 ha apportato alcune modifiche alla Parte Quinta del Codice dell’Ambiente (Decreto legislativo n. 152/2006), inserendo in particolare il comma 7-bis dell’articolo 271 che prevede, che i gestori degli stabilimenti o delle installazioni in cui le sostanze di determinata pericolosità sono utilizzate nei cicli produttivi da cui originano le emissioni inviino all’Autorità competente periodicamente (ogni 5 anni o in caso di modifiche) una relazione con la quale si analizza la disponibilità di alternative, se ne considerano i rischi e si esamina la fattibilità tecnica ed economica della sostituzione delle predette sostanze.

La Regione Lombardia ha approvato con la D.G.R. 7 giugno 2021 n. XI/4837 le linee guida per la redazione e l’invio all’Autorità Competente (Provincia/Città Metropolitana) della relazione sulla gestione di sostanze/miscele pericolose (art. 271, comma 7-bis del D.lgs. 152/2006), in attuazione del D.lgs. n. 102/2020.

L’adempimento riguarda l’impiego di sostanze/miscele che sono contrassegnate dalle indicazioni di pericolo H350, H340, H350i, H360D, H360F, H360FD, H360Df e H360Fd, nonché quelle classificate come “estremamente preoccupanti”, ai sensi dei Regolamenti “CLP” e “REACH”.

Tale disciplina trova applicazione per gli stabilimenti autorizzati ai sensi dell’art. 269 del D.lgs. n. 152/06 (eventualmente, in ambito di AUA) e per le installazioni soggette ad Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.).

Per gli stabilimenti già in esercizio alla data di entrata in vigore del D.lgs. 102/2020, la Relazione dovrà essere inviata all’Autorità Competente entro il giorno 28/08/2021.

Viceversa, i Gestori degli stabilimenti che siano autorizzati ai sensi dell’art. 272 commi 2 e 3 del D.lgs. 152/2006 e che risultino utilizzare nel ciclo tecnologico le sostanze/miscele “pericolose” e/o “estremamente preoccupanti”, sono tenuti a presentare all’Autorità Competente un’istanza di autorizzazione ex art. 269, ovvero una domanda di autorizzazione unica ambientale (AUA), entro il 28/08/2023.