LA RESPONSABILITÀ ESTESA DEL PRODUTTORE (EPR): UNA RIFORMA PER FAVORIRE PREVENZIONE E RICICLO

La responsabilità estesa del produttore (in lingua inglese “Extended producer responsibility” o piùbrevemente EPR) può essere definita come un approccio di politica ambientale nel quale il produttore di un bene è responsabile anche alla fase post-consumo, ovvero della sua gestione una voltadiventato rifiuto 1.
La Direttiva 851/2018, parte integrante del Pacchetto Europeo sull’Economia Circolare, postula importanti novità in materia di EPR, per assicurare un utilizzo accorto, efficiente e razionale delle risorse naturali. In particolare, vengono previsti requisiti minimi per i regimi EPR nazionali al fine di garantire una maggiore uniformità degli schemi adottati nei diversi paesi per le diverse tipologie di flussi e la loro coerenza con i principi e gli obiettivi europei in materia di economia circolare, efficienza nell’uso delle risorse, mitigazione dei cambiamenti climatici, gestione dei rifiuti.
Nonostante i regimi EPR adottati a livello nazionale abbiano indubbiamente contribuito al miglioramento della gestione dei rifiuti, la Commissione Europea evidenzia la loro scarsa capacità di incidere sulla progettazione dei prodotti secondo la logica circolare, con particolare riguardo alle caratteristiche di durabilità, riutilizzabilità, riparabilità, riciclabilità, impiego di materiali riciclati e presenza di sostanze pericolose in fase di progettazione.
I nuovi regimi EPR dovranno quindi contribuire alla transizione verso l’impiego di prodotti durevoli, adatti all’uso multiplo, riparabili, tecnicamente ed economicamente selezionabili e riciclabili, realizzati a partire da materiali riciclati.

Nel settore imballaggi, la Direttiva 852/2018 dispone che i nuovi requisiti di cui all’art.8-bis dovranno trovare concreta applicazione negli ordinamenti nazionali entro e non oltre la fine del 2024.
Entro il 5 Luglio 2020 invece, il Governo Italiano dovrà recepire nell’ordinamento nazionale le nuove Direttive.

I prossimi mesi saranno pertanto decisivi perché le scelte che saranno compiute getteranno le basi dei futuri regimi EPR.