EMISSIONI IN ATMOSFERA: nuova DGR sulle attività in deroga

La nuova disciplina delle attività “in deroga” nuova D.G.R. 983/2018

La Regione Lombardia ha Pubblicato due Delibere di Giunta relative alle emissioni in atmosfera ai sensi dell’articolo 272 del D.L.gs 152/06.

Con la D.G.R. n° 983 del 11.12.2018 è stata revisionata la disciplina delle attività cosiddette “in deroga” (ex attività a ridotto inquinamento atmosferico).

Tale modifica si è resa necessaria per i disposti contenuti nel D.L.gs 187/2017 relativi all’articolo 272 commi. 2 e 3 del D.L.gs 152/2006 e, successive modifiche ed integrazioni e dalla entrata in vigore del D.P.R. 59/2013 “Regolamento AUA” Regolamento che istituisce l’Autorizzazione Unica Ambientale.

La nuova delibera individua l’elenco delle attività soggette a tele regime autorizzativo “semplificato” ( elenco di cui all’allegato 1 della D.G.R. ).

L’allegato 2 invece, contiene i criteri e le procedure per l’adesione all’autorizzazione generale. Inoltre, specifica le modalità di trasmissione delle domanda di adesione, di modifica e di comunicazione amministrativa.

Le prescrizioni specifiche di tipo tecnico-gestionali, compresi i valori limite alle emissioni, continuano ad essere definiti all’interno degli allegati tecnici settoriali approvati (o in fase di approvazione) per tutte le tipologie di attività individuate dalla delibera (D.D.S 532/2009 e successivi).

La D.G.R. 983/2018, anche a seguito dell’entrata in vigore del D.L.gs 183/2017 e dal DPR 59/2013, ha apportato rilevanti novità alla disciplina delle attività in deroga, come riepilogato in seguito:

  1. Aumento del numero delle attività in deroga. Sono state introdotte nuove attività:
    1. Medi impianti di combustione industriali;
    2. Lavorazione materiali lapidei;
    3. Taglio laser su superfici diverse da carta e tessuti;
    4. Attività di nobilitazione filati, tessuti o prodotti tessili in generale;
    5. Lavorazione del vetro;
  2. è stata incrementata la soglia di alcune attività esistenti (es. pressofusioni con utilizzo di metalli e leghe da 35 a 110 ton/anno)
  3. Possibilità di aderire all’autorizzazione, per specifiche attività esplicitamente individuate, anche nel caso di stabilimenti già autorizzati “in via ordinaria”;
  4. Estensione della durata della autorizzazione a 15 anni dalla data di adesione; tale durata si applica “retroattivamente” anche alle attività autorizzate ai sensi della D.G.R. 8832/2008;
  5. Modifica delle condizioni di esclusione dalla possibilità di avvalersi del regime delle autorizzazioni in deroga in caso di utilizzo di miscele o sostanze “classificate”;
  6. Caricamento dei dati di autocontrollo sull’applicativo AIDA 2.0 gestito da ARPA Lombardia: per il 2019 in via sperimentale;
  7. Trasmissione della domanda di adesione in modalità telematica al SUAP, utilizzando la piattaforma messa a disposizione dallo Sportello.

 

GA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.