RISCHIO FORMALDEIDE. NUOVA LINEA GUIDA REGIONE LOMBARDIA.

La Direzione Generale Welfare di Regione Lombardia ha pubblicato il Decreto n. 11665 del 15/11/2016  – "Linea guida regionale sulla stima e gestione del rischio da esposizione a Formaldeide: razionalizzazione del problema e proposta operativa".

La formaldeide (o aldeide fòrmica) è un composto organico appartenente alla famiglia degli aldeidi, presente in forma gassosa (a temperatura ambiente) e liquida (con trattamenti chimici). La formaldeide pura è un gas incolore, solubilissimo in acqua, di odore molto pungente e irritante, che si liquefa a -20°C e si solidifica a – 92°C.
A partire dall’ 1 gennaio 2016, con il Regolamento UE n. 895/2014 (che modifica l’allegato XIV del regolamento REACH) è stato precisato che la formaldeide risponde ai criteri di classificazione come sostanza cancerogena di categoria 1B (può provocare il cancro) a differenza della precedente classificazione di “sospetto cancerogeno Cat. 2”.

Nella prima parte del Decreto, vengono indicate le proprietà chimico-fisiche del cancerogeno, l’esposizione outdoor e indoor, la tossicologia, l’inquadramento normativo, la stima dell’esposizione (monitoraggio ambientale e tecniche di campionamento). Nella seconda parte viene illustrata la valutazione del rischio (linee Guida SIMLII, valori limite di esposizione per la popolazione generale e per quella occupazionale). In ultimo si propongono considerazioni per una gestione razionale del problema, con particolare riguardo alle problematiche della sorveglianza sanitaria, dell’istituzione del Registro di Esposizione e dello schema dei valori limite occupazionali.

Settori merceologici in cui è usata la formaldeide

I principali settori in cui la formaldeide è utilizzata sono i seguenti:

  • settore degli abrasivi: utilizzata come materia prima per realizzare resine fenolo-formaldeide (collante impiegato nella produzione di mole abrasive);
  • settore farmaceutico: per la produzione ad es. di anticoagulanti e antivirali
  • settore pitture e vernici/inchiostri
  • settore tessile (per la produzione di resine utilizzate per prevenire la perdita di colore nel lavaggio degli indumenti e come antipiega/antimacchia)
  • settore legno/mobile: es. nella produzione di pannelli impiegati nella produzione di mobili
  • industria cosmetica
  • industria alimentare
  • settore della sanità
  • settore del cuoio
  • industria metalmeccanica
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.